calcolo strutturale on-line

verifiche del contenimento
  del consumo energetico

Edifici in legno - tecnologia X-LAM

Breve analisi della più recente tecnica costruttiva in legno

 

Fra le tipologie strutturali in legno, il più recente sistema costruttivo è il cosiddetto sistema a pannelli X-LAM che nasce alla fine degli anni novanta del secolo scorso in Austria e Germania. I pannelli sono costituiti da strati incrociati di tavole in legno massiccio, chiodate o incollate. Gli strati sono in numero dispari (3, 5, 7 strati o più), lo spessore delle tavole è variabile e di solito sono tavole di abete, ma si trovano pannelli in larice, pino, douglasia.

La struttura resistente è quindi costituita da setti portanti pieni con massa elevata, analoga per tipologia alle costruzioni in muratura portante. Il sistema X-LAM è adatto per edifici fino a 3 livelli fuori terra.

Le Fondazioni sono costituite da una platea o da travi rovesce in cemento armato. I pannelli per le pareti e i solai vengono prefabbricati in stabilimento mediante il taglio computerizzato con macchine a controllo numerico ed arrivano in cantiere pronti per il montaggio già dotati di aperture per porte e finestre.

Gli svantaggi di questo sistema sono il grande impiego di materia prima e la scarsa versatilità futura nella ridistribuzione degli ambienti dell’edificio.

I vantaggi sono da ricercare nella bassa qualità del legno impiegato ed in un ottimo comportamento sismoresistente dovuto alla creazione di strutture di tipo ‘scatolare’.

 

Torna alla home page

Torna allo storico delle notizie